martedì 7 ottobre 2014

Forse non tutti non sanno che... GRA Edition

Ecco un elenco di nozioni che sul GRA, Grande Raccordo Anulare di Roma non sono patrimonio di tutti.
Cominciamo con il carico da undici.

1. Esiste un insieme di leggi e regolamenti chiamato "Codice della strada", in vigore anche sul GRA.
2. Le corsie sono fatte per occuparne una alla volta. Le strisce bianche non segnano la traiettoria da seguire, così che ci si debba stare sopra per tutto il viaggio senza sbandamenti
3. Stare in prima corsia non è reato.
4. Gli indicatori di direzione, comunemente chiamati frecce, sono strumenti da azionare prima di cambiare corsia o uscire dal GRA. Aiuterebbe mettere la freccia corrispondente alla direzione che si vorrebbe prendere. In alcuni paesi, l'Italia ad esempio, questa operazione è obbligatoria.
5. Nel caso in cui la freccia sia stata azionata, potete anche spegnerla dopo che avete effettuato la manovra. L'operazione di spegnimento non comporta una significativa usura dell'interruttore.
6. Le quattro frecce non valgono come jolly per segnalare più cambi di corsia consecutivi.
7. Quando volete superare un auto, prenderne la scia non vi avvantaggia significativamente, specie se davanti a voi c'è una moto. In compenso si alzano le probabilità di un bel tamponamento.
8. Essere superati da un'auto non viene registrato nel casellario giudiziale.
9. Regole di prudenza: andare a 130 all'ora in moto in corsia d'emergenza, specie sul GRA, può avere effetti dannosi sulla salute.
10. Se gli altri vanno a 100 e voi a 130 in corsia d'emergenza, arrivate pochi secondi prima, se arrivate.
11. Gli scooter a terra con un'ambulanza vicino non sono esercitazioni.
12. Fidarsi dell'abilità e soprattutto delle condizioni delle auto e delle moto intorno a voi equivale a fidarsi di una promessa elettorale di un leader politico italiano.
13. Il videogioco "GRA" prevede una sola vita e non ha l'opzione "Nuova partita"
14. Qualunque manovra facciate, a parte fare chilometri in corsia d'emergenza, vi fa risparmiare pochi secondi, consumare freni e benzina, e rischiare la vita. Un ottimo rapporto costi/benefici.
15. Le moto non hanno una larghezza trascurabile e non sono incomprimibili, quindi superarle se stanno occupando la corsia senza tenere perfettamente il centro di essa, non è carino.
16. Fare il furbo fa guadagnare pochi secondi e tante maledizioni. Se siete superstiziosi, dovete tenerne conto. E visto che siete idioti, è molto probabile che siate superstiziosi.
17. Mettere il vostro "Mi piace" all'ultima foto postata su Facebook da quell'erotomane del vostro amico, mentre viaggiate sul raccordo, fa aumentare il PIL solo nel caso in cui vi schiantiate.
18. E' inutile che vi rolliate le sigarette per risparmiare se poi buttate via mazzi di banconote per correre come matti in auto.
19. Il Corriere dello Sport sarà ancora lì quando finirete il viaggio. Potete leggerlo anche dopo.
20. Mentre guidate, leggere sul giornale "si schianta sul GRA mentre legge il giornale" dovrebbe insegnarvi qualcosa, per lo meno sulla ricorsione.
21. L'uso dell'auricolare o del vivavoce non ha niente a che fare con la dimensione del vostro pene. Potete usare questi strumenti senza sentirvi dei minorati mentali. In alcuni paesi del mondo, comunemente chiamati "paesi civili", è addirittura obbligatorio.
22. Se vedete la strada inclinata a 45°, non è un'allucinazione, è che state ancora al telefono senza auricolare.
23. In alcuni casi, sul GRA avvengono incidenti che non riguardano per forza solo gli altri.
24. La stragrande maggioranza degli incidenti è dovuta a manovre che scientificamente vengono dette "manovre da coglione".
25. Se contate n coglioni sul GRA, è probabile che dobbiate contarne n+1. Questo elenco potrebbe aiutarvi a togliervi il dubbio.

Se cadete in una di queste situazioni descritte, siete pregati di bruciare l'auto o farla brillare con il plastico. In ogni caso, cordiali vaffanculo. Non avete capito.
ANNATEVELAPIJANDERCULO!

2 commenti:

alessandro sabetta ha detto...

Inchiodare per guardare un'auto ferma in corsia di emergenza anche se prontamente soccorsa da:

nell'ordine
- Protezione civile con Canadair al seguito
- Ambulanza
- Eliambulanza
- Vigili del Fuoco
- Finanza
- Carabinieri
- Polizia
- Gruppo di cicloamatori, intervenuti sul posto perché non potevano perdersi l'evento
- ANAS
- AISCAT
.....e chi più ne ha più ne metta

non contribuirà a farvi guadagnare il premio come "Soccorritore dell'anno" ma solamente come testa di cazzo ad Honorem.

Mi aggrego ai solenni VAFFANCULO da te dispensati ^_^.

alessandro sabetta ha detto...

Ciao :-) e complimenti

Popular Posts

Collaboratori