lunedì 9 dicembre 2013

Sulle strade di Roma, quelli che...

Quelli che in scooter rischiano la vita per arrivare tre secondi prima.
Quelli che se c'è una corsia si mettono su due corsie, se ce ne sono due si mettono su tre, se ce ne sono tre sono fuori Roma.

Quelli che se vedono una fila si inventano tutti i modi per saltarla, e invece che figli di puttana, si credono ganzi.

Quelli che abitano vicino alla metropolitana, lavorano vicino alla metropolitana, ma al lavoro ci vanno in auto, spendono 20 € al giorno di benzina, e poi si lamentano che non arrivano a fine mese.

Quelli che se non c'è nessuno in strada vanno a velocità smodata, se c'è poca gente a velocità smodata, se c'è traffico a velocità smodata, ma 5 metri alla volta. Consumano più gomme e freni loro che la scuderia Ferrari, ma si lamentano che c'è la crisi.

Quelli che mi devono superare, non importa se davanti a me c'è uno a 20 metri, sono in terza corsia e sto andando a 130, loro DEVONO superarmi, è una questione d'onore, fosse l'ultima cosa che fanno nella vita. E allora si mettono in seconda corsia e mi si affiancano per superarmi, ma io - perfido - accelero e non ci passano. Allora passano in prima corsia, superano a destra il camion che sta in seconda, si rimettono in seconda, fanno per andare in terza, ma ci sono ancora io che non li faccio passare. E allora si buttano in tutti i pertugi che il traffico permette loro, passano in corsia d'emergenza, abbattono quattro birilli, ritornano in carreggiata, prima, seconda, terza corsia. Finalmente mi hanno superato. E felici come pasque, mi rimangono davanti, a trenta metri di distanza, per tutto il tragitto.

Quelli che, a furia di lampeggiare per superare chi si permette di rimanere in terza corsia, invece che umilmente spostarsi in seconda e fare passare le loro maestà, ad ogni Natale ricevono un biglietto di auguri dai venditori di lampadine per auto.

Quelli che vanno piano, ma piano, però in prima corsia non ci sono mai stati in vita loro, che nemmeno fosse il triangolo delle Bermuda, il Mar dei Sargassi e the Twilight Zone messi insieme.

Quelli che hanno comprato l'auto - usata - nel '95, ma l'ultimo tagliando l'hanno fatto nel '72. Alla caldaia di casa. Le loro auto emettono un fumo così nero che ti viene da pensare che vadano a carbone.

Quelli che sanno guidare solo loro, e allora spiegano il codice della strada - il loro- a tutti gli altri, rigorosamente in dialetto, facendo tremare i vetri dell'auto. Inutile dire che guidano meglio gli eschimesi bocciati all'esame della patente.

Quelli che anche se ci sono 5 gradi fuori (non succede spesso ma succede) vanno con il finestrino abbassato perché devono fumare la loro cazzo di sigaretta, a costo di ibernarsi.

Quelli che anche se ci sono 40 gradi, vanno con il finestrino abbassato perché devono fumare la loro cazzo di sigaretta, a costo di sudare anche le camicie appese nell'armadio, oppure di far fondere il motore del climatizzatore.

Quelli che, siccome abitano in centro a Roma, detto anche "il silos" per l'abbondanza di parcheggio e "Los Angeles" per la larghezza delle strade, vanno a comprarsi un SUV gigantesco con il quale devono fare manovra una svolta sì e una no.

Quelli che comprano le auto già con i bozzi, come i jeans con già i buchi. Effetto vintage? No, è che la macchina tutta intera gli dura qualche settimana.

Quelli che non importa se probabilmente andranno prima o poi a sfondare il culo della macchina davanti, loro devono assolutamente leggere le ultime novità su facebook, che sono tra l'altro per il 95%
- una frase celebre scritta su una foto di Snoopy
- Keep calm and whatever
- buongiorno a tutti
- oggi è lunedì, aiuto!!!
- oggi è venerdì: evvai!!!
- condivisioni di articoli di giornale
- bufale così bufale che ci puoi fare la mozzarella
- battute così squallide che quando le leggo mi devo mungere le ginocchia

Quelli che non sono di Roma, ci abitano da tre anni, ma non si sono ancora rassegnati alla pazzia che assale la maggior parte dei romani appena gli infili delle ruote sotto il sedere.

Nessun commento:

Popular Posts

Collaboratori