giovedì 18 giugno 2009

Gran Varietà 4

Altro che febbre suina
In Libia torna la peste bubbonica. Gheddafi dichiara: "Com'è che si dice? Hmm... Ah sì! E' un complotto della sinistra". E' caccia ai topi rossi.

Accostamenti hardcore
Su un canale del digitale terrestre hanno proiettato prima "La dolce vita", poi "L'insegnante viene a casa".
La macchina per la messa in onda si è crepata per l'eccessiva escursione culturale.

Sicurezza
Dal sito ansa.it (link)
ROMA - Ieri sera intorno alle 23 un gruppo di persone armate di bastoni ha fatto irruzione in un bar gestito da un cittadino bengalese in via Casilina, all'altezza di via Zenodossio, alla periferia sud della capitale. Dopo essere entrati hanno cominciato a sfasciare sedie e tavoli del bar mandando in frantumi anche la vetrina. Subito dopo sono scappati facendo perdere le loro tracce. Il proprietario dell'esercizio commerciale ha riferito ai carabinieri della stazione Tor Pignattara che durante il raid gli assalitori non hanno urlato frasi di stampo razzista. L'uomo ha inoltre affermato di non avere mai ricevuto minacce di alcun tipo.
Per questi episodi non scattano campagne di stampa sull'allarme sicurezza.

Quote nere
Sempre da ansa.it. Settimana della moda a San Paolo (Brasile, nda), nero o indigeno il 10% dei protagonisti in base alla legge antirazziale recentemente approvata dal governo municipale.
Effettivamente, anch'io il problema del razzismo lo sentivo soprattutto legato alle sfilate di moda. Ora che il 10% delle modelle sono nere, sto più tranquillo.

Nessun commento:

Popular Posts

Collaboratori